sabato 10 luglio 2010

Piet Mondrian


Mondrian è essenza, rivoluzionaria nella sua semplicità, come molte grandi menti dell'arte, comprende dipinto dopo dipinto che ci sono fondamenta, su cui tutto si genera, si conclude, si conferma in esse. Un operazione di semplificazione complessa, che bisogna d'anni. Linee e colori, ma non astrattismo, essenzialità in ogni rappresentazione, dove è possibile esprimere con campiture con i non colori bianco e nero e i base rosso, giallo e blu origine di ogni combinazione, spazi costruiti da verticali e orizzontali. Inizia con paesaggi impressionisti della sua Olanda, descrivendo mulini, campi, alberi, sperimentando: puntinismo,Fauve dai colori accesi,a Parigi si apre al cubismo,al monocromatico, lo scomporre visivamente le forme con l'occhio della mente e della conoscenza, ma lui cerca un fine altro. Sempre più si accorge come tutto è riconducibile ai colori primari, alle forme radicali di altezza e orizzontalità, aiutato dal paesaggio fiammingo molto lineare e dal suo acceso interesse per il mondo spirituale da una ricerca di conoscenza che vada al di là di ciò che è tangibile, in una fusione dell'Io con l'ambiente, portandosi sempre più all'eliminazione del superfluo visivo. Ed ecco le griglie, inizialmente meno decise,ma lentamente non teme più gli spazi bianchi di luce, le linee definite nere di contorno buio, la basilarità dei colori, arriverà ad un minimalismo totale, da cui poi creerà ulteriori variazioni con combinazioni di colore, nuove vie da esplorare di combinazioni, dall''austerità europea trasferitosi a New York porterà le luci al neon della città in quadri più articolati, con nuove vibrazioni cromatiche, nuove vivacità di combinazioni vitali e dinamiche. Mondrian è considerato un padre del design e dell'arte applicata alla pubblicità , anche per l'uso che nel tempo si è fatto dei suoi quadri in réclame e moda, ma non è mai stato un artista commerciale tutto il contrario, per la sua ricerca spirituale, per la essenzialità della sua ricerca, per la sperimentazione figlia di decenni di un viaggio personalissimo attraverso l'arte con metodo mistico e cartesiano. Eliminerà i riferimenti figurativi, anche nei titoli dei suoi quadri, ma per cogliere l'anima del figurativo stesso. Ennio Flaiano : “Mondrian, pittore realista. L'Olanda è come Mondrian la dipinge. L'equivoco è nel credere che Mondrian sia un pittore astratto. Case bianche o nere, con strisce bianche o nere e finestre rosse e blu. Linee orizzontali del paesaggio. Canali, strade, dighe”.

Piet Mondrian « Cosa voglio esprimere con la mia opera? Niente di diverso da quello che ogni artista cerca: raggiungere l'armonia tramite l'equilibrio dei rapporti fra linee, colori e superfici. Solo in modo più nitido e più forte. »

34 commenti:

  1. Bellissima la sequenza di immagini che hai proposto dai paesaggi alla fase astratta.

    RispondiElimina
  2. Hallo Alfa, grazie , mi piaceva rendere visiva la progressione artistica di Mondrian , che sempre più si semplifica stilisticamente, in perenne ricerca dell'essenza minimalista della realtà. Un saluto felino fresco fresco miaoooo

    RispondiElimina
  3. Carissima micioartconcettualista Fel,non sono proprio un estimatore dell'arte moderna e contemporanea, con qualche eccezione per la pittura metafisica.Quando l'arte diventa puramente concettuale,io trovo ci sia una perdita di armonia con i sensi che, per primi, devono "fruirla" e del resto forse un pò di verità c'è in C.G.Jung quando afferma che "tutta l'arte del '900 è "patologica".Nondimeno mi complimento per la tua, come sempre, splendida presentazione, mi è piaciuta più di Mondrian ( e me l'ha fatto conoscere meglio).Baci da una Mestre subsahariana in cui è vietato uscire:-)))

    RispondiElimina
  4. Devo essere sincero Fel, hai detto tutto tu. E poteva essere diversamente? hehehhe
    Non ho mai visto ne un quadro ne una mostra di Mondrian, quindi non so che altro dire.
    Ma un commento personale te lo possi dire, Mi ha sempre affascinato il suo nome MONDRIAN. Fin da piccolo. Quando lo leggevo andavo sempre a ricercare qualcosa su di lui. Un pò come quando senti un nome d'artista che non ci pensi mai ma che ti fa accendere una lampadina appena ti arriva all'orecchio.
    Il fascino del nome, lo so, può essere una stipidaggine, ma per uno come me che di arte se ne intende poco e va solo a sensazioni è l'imput per la curiosità.
    Bellissimo post Fel, hai riassunto perfettamente la sua pittura e mi hai dato informazioni interessanti, su cui riflettere, specialmente la rappresentazione dell'essenzialità.
    Lorenzo

    RispondiElimina
  5. Evvica, Fel,
    questo post è la celebrazione del colore!

    RispondiElimina
  6. Lucy ho girato la testa a 360° x cercare di vedere tutto ciò ke mi hai descritto nel post ke è ineccepibile! Ma io lo sai cosa ci ho visto nei quadi geometrici? Il cubo di Rubik. Ed ancora le campane. Masì, le campane del gioco disegnate a terra col gesso e poi da bambini si saltellava all'interno con dei sassolini. A me piaceva molto quel gioco. Kissà se Mondrian ci giovava da bimbo!
    A parte tutto, l'ultima immagine è veramente suggestiva nella combinazione di linee e colori!
    Io stasera tifo Olanda perkè la Spagna mi è antipatica, credi ke il Mondrian ne sarà felice?
    Bacetti cubici, romboidali, quadrati e rettangolari!
    Elisena

    RispondiElimina
  7. Leone, non solo spesso non l 'amo neure io , spesso ne diffido come fuga dal saper crea e sper dipingere. Ma Mondria, come Pollock e pochi altri, erano invece gente che sapeva ciò che faceva, hanno guaradato le cose con occhi nuovi aprendoci asionoi diverse della realtà. Grazie delle tue parole sempre gentilissime e delle definizioni argute.
    Miao da una Genova tropicale in cui la macaia ammorba ogni via ed ogni cosa.

    RispondiElimina
  8. Leo mi sono persa troppe lettere stavolta, anche per i miei standar ....
    era : non l'amo neppure io, ne diffido come fuga dal saper creare e saper dipingere e a Mondrian mancava la enne finale .....
    la macaia si vendica .......

    RispondiElimina
  9. Hallo Lorenzo, credo che ci siano fili misteriosi ..... e un nome può essere un tramite affascinante ....... Lui lo europeizò dall'olandese Mondriaan, probabilmente questo nome ha un suo percorso attraente .......
    Grazie e un abbraccio con ventilatore a tutta

    RispondiElimina
  10. Sara cara, qusto blog mi assomiglia molto , uno sfondo/schermo nero, animato da mille colori, i più diversi e astrusi. Un bacio

    RispondiElimina
  11. Non so se Mondrian giocava al pampano, e se Rubik si è ispirato a lui - ma mi sa che da architetto qualcosa lo ha influenzato nello stile cubesco - ma la tua intuizione dimostra quanto sia giusto il percorso di semplificazione operato, ha raggiunto di molta nostra realtà, il genio nella semplicità, e cosa di più universale del pampano e di genialoide di un gioco che da 25 anni vende milioni di esemplari basandosi su un principiio matematico semplicissimo un cubo colorati con una sola soluzione ma 43 miliardi di miliardi di possibilità e un design invidiabile. E' vero la finale, probabilmente ho seguito un percorso mentale contorto ma frutto del batage calcistico. Tu non puoi che stare con gli Orange ..... il tuo colore preferito . Anch'io sarò più per L'Olanda, è sempre stata una sperimentatrice anche nel calcio. Ma naturalmente vinca la migliore stasera. Un abbraccio a-micia coloratissimo con riflessi arancioni miaoooo

    RispondiElimina
  12. Chissà perchè tanti, io compresa, parteggiamo per l'Olanda. Io penso che sia dovuto alla sua particolare forza che ha in sè quel popolo, i fiamminghi, così sempre presenti nella storia europea, nella cultura, nell'ingegneria. Quella voglia di differenziarsi, e di molto, dai cugini tedeschi, così vicini alla loro piccola terra e conquistata con il duro lavoro di strapparla al mare.
    Mi sono sempre stati simpatici e da qui la mia simpatia per i loro pittori.
    Mondrian rappresenta la futura modernità, l'avanguardia del pensiero, essenzialità e risalto della componente primaria. Geometria, ordine del pensiero e delle cose di questo mondo, fino al limite estremo della scomparsa della figura umana, ma non dell'uomo.
    L'uomo è tutto dentro i suoi quadri, la sua razionalità e la sua luce.
    Sono quello che mi trasmettono le sue opere, e qualche memoria di liceo:)))
    Devo farti i miei complimenti, è un post molto bello e con un artista difficile da descrivere. Tu hai saputo renderlo, permettimi Fel, umano, comprensibile. Non era facile.
    Doriana

    RispondiElimina
  13. Doriiiii io tifo Olanda perkè gli spagnoli me stanno antipatici! E poi a me piace l'arancio. E' il mio colore preferito!
    Forza OLANDAAAAAAAAA!
    Baci Lucy e scusa sta strega matta ke sta dappertutto!
    Elisena

    RispondiElimina
  14. Ciao Fel,bello il tuo post,dipinti che rappresentano la giusta essenza,ottima presentazione.
    Grazie al tuo e al pensiero di Marilena e Elisena,riguardo il mio mini-raccontino del viaggio a Macao.
    Buona serata.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  15. -Geometria,ordine del pensiero e delle cose di questo mondo,fino al limite estremo della scomparsa della figura umana,ma non dell'uomo-
    Bellissima frase Doriana, mi piace moltissimo, ed è molto adatta a questo pittore. Si anche a me dà questa sensazione di carattere e modernità il popolo olandese, è ci ha dato artisti immensi ...... che ogni tanto paseranno di qua .... Un bacione fresco fresco

    RispondiElimina
  16. Si era capito Rossa che avevi sfumature arancio, eh si imperversi ma senza di te il mondo è sbiadito. Un strabacione miaooooooo

    RispondiElimina
  17. Hallo Capitano, lo sai che adoro i tuoi racconti, e Marilena è stata bravissima a fricrearlo per omaggiarti. Un bacio granitoloso

    RispondiElimina
  18. Posso dirtelo qui da Fel Elisena????
    Oltre le altre doti visibili sul tuo blog sei una donna simpaticissimaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!
    Tu e Fel avete la simpatia dentro.
    A me gli spagnoli sono indifferenti. Mentre i portoghesi mi sono simpatici. Voi non ci crederete ma a me piacciono i tedeschi....eh lo so ognuno ha i suoi difetti.:))))))))))))

    RispondiElimina
  19. Miao Dori, adoro il chiacchericcio che si crea nei nostri blog, perciò passate tranquillamente ... una bibita rinfrescante ?
    Baciotti ad entrambe miaaaoooo

    RispondiElimina
  20. Un miaooo grande per augurati buon giorno!
    Gio'

    http://remenberphoto.blogspot.com/

    RispondiElimina
  21. Miaooooo DualGiò ben passato da ste parti folli. verrò a curiosare da te bye bye

    RispondiElimina
  22. Ops! Ho tentato di lasciarti un commento oggi ma non so perche' e' sparito! Il tuo blog e' sempre bellissimo, sia per i film, che per i quadri e tutte le immagini incantevoli che pubblichi! Grazie!

    RispondiElimina
  23. Capita anche a me Vittoria di non riuscire a lasciare un commento, o entrare in un blog. Sei sempre così gentile, grazie, sono immagini che porto dentro da sempfre, per questo è una gioia condividerli con gli amici. Un bacio

    RispondiElimina
  24. Wow Lucy, ma grazie per gli auguri qui sul tuo blog. Sono davvero......wowwwww non ho parole, e sai che io di riserva ne ho sempre un bel pò!
    Può amncarmi tutto, ma non le parole, eppure l'unica che riesco a dire, ora, è grazie.

    Grazie infinite e dal profondo del cuore.
    Grazie, per la bella persona che sei.
    Grazie, per il dono della tua amicizia.
    Grazie, per i nostri dialoghi.
    Grazie, per la tua semplicità e la tua ironia.
    Grazie, per esserci.

    Scusami Lucy, entro solo ora nel tuo blog, con un pò più di tempo. Già ieri avevo cercato di postare un commento ma poi sono stata presa da altro e, così, mi è sfuggita questa meravigliosa sorpresa: quella mela offerta da una sensuale cat-fata, di nome Luce.
    A costo di ripetermi grazie ancora Lucy per questa carineria che rispecchia in pieno la tua essenza generosa e sincera.
    Un bacio, da una strega che, una volta tanto, amerebbe trasformarsi in fata!
    Marilena

    RispondiElimina
  25. Raggiungere le fondamenta......scavare alla radice per raggiungere l'essenza della bellezza.
    Una bellezza spogliata dal costruito e dal superfluo: la bellezza pura e ritmata delle linee orizzontali e verticali, e di quei gialli, rossi, blu, incorrotti e primitivi, che all'interno vi si incasellano, come tasselli di luce rubati all'arcobaleno di un bambino.
    Ho amato Mondrian da ragazza ed ancora oggi profondamente mi emoziona: le sue mistiche griglie hanno intrappolato una parte della mia anima.
    Un bacio, Lucy, di un rosso rubato a quella sua straordinaria tavolozza.
    Marilena

    RispondiElimina
  26. Amaranta fate e streghe si assomigliano moltissimo ........
    Marilena seguirti è un piacere incomensurabile, leggerti è seducente, ma esserti amica un privilegio. Ancora auguri miao

    RispondiElimina
  27. Come sempre hai colto il fulcro del mio post, sei una stregaccia strabboccante talento Amaranta. Baci felini rosso puro Mondrian

    RispondiElimina
  28. Ciao cara miagolosa!
    Tornerò a curiosare, giuro che tornerò! Per ora sto traslocando e il computer, che è ancora dai miei mentre io vivo "di là" da una settimana, è quasi sempre inarrivabile causa sparpagliamento di vestiti e cose varie. E' dura decidere cosa portare nelle nuova casetta e cosa buttare... ora non ho molto spazio e quindi dovrò fare una drastica selezione! Aiuuuto! Ma era ora di farla...
    A presto, baciotti!

    RispondiElimina
  29. Miiaaaaaooooooooo Anna , siamo nei traslochi allora, dai che poi ne vale la pena, avrai un piccolo regno colorato tutto tuo. Fai tutto con calma, noi ti asperttiamo. Un abbracio stracolmo di fusa fffffffffffrrrrrrrrrrrr.

    RispondiElimina
  30. Ciao fel, sempre a gonfie vele...con questi mitici dipinti.

    RispondiElimina
  31. Hallo Stellona .... e tu che vivi da vera Star allora miaaaoooùùùùùùùùùùùùùùùù

    RispondiElimina
  32. W I CANI M i GATTI!

    RispondiElimina
  33. Anonimo ognuno ha le sue idee, io li amo entrambi, anche se i felini mi rubano il cuore,
    solo non capisco che ci fai in un luogo che si chiama felinità, se detesti il genere.

    RispondiElimina