domenica 19 giugno 2011

Les enfants du Paradis

1840 al Boulevard du Crime, c'è il teatro popolare Les Funambules e tra i numeri in scena vi è il mimo Baptiste vestito da Pierrot che incanta i giovani spettatori nel loggione, il Paradiso, con il suo temperamento romantico e sognatore. In uno spettacolo diurno in strada con una pantomima che mima la scena accaduta sotto i suoi occhi salva dal carcere la bella Garance, che gettandogli una rosa, lo incatena in un amore impossibile, troppo realista e libera lei, troppo spirituale la bruciante passione di lui. E mentre Baptiste allontana da se la fedele innamorata Nathalie, la volubile Garance che prima lo ha preferito al bandito dandy Lacenaire, subito lo tradisce prima con il suo collega Frédérick e per poi fuggire con un ricco Conte. Anni dopo Frédérick è diventato un attore tragico famoso e il mimo furoreggia con l'originalità della sua arte, ha sposato Nathalie e hanno un figlio, ma quando viene a sapere che Garance è tornata e che ogni sera viene a vedere il suo spettacolo, entra in crisi, la ritrova e passa in estasi la notte con lei, ma al mattino il sopraggiungere della moglie rompe l'idillio, Garance fugge ancora e lui la perde nella folla parigina in delirio per il carnevale. Un grande film sul fato, la passione ove ogni personaggio insegue l'amore e un ideale irraggiungibile, e si muove in bilico fra vita e arte, senza confini netti, come tra il dramma sanguigno della tragedia che ha in se il ridicolo, o la comica pantomima che può toccare il cuore fino alle lacrime con la delicatezza della sua mimica. Un atmosfera suggestiva ci trasporta in una Parigi di bistrot, alberghetti, saltimbanchi, apaches e poeti. Ma tutti inseguono qualcosa d'inarrivabile, lo sfiorano forse un momento , ma la realtà si riappropria di tutto, quella cruda realtà, riassunta negli sguardi amorosi, speranzosi, imploranti e disperatamente coscienti di Nathalie, legata al proprio amore, al proprio dolore senza resistergli. Un film cosi' non può che avere per ispirazione la frase d'inizio tratta da Shakespeare : «Il mondo è un palcoscenico in cui uomini e donne sono gli attori. Essi vi fanno i loro ingressi e le loro uscite.»


Garance al bandito: "Avete in testa troppo fuoco per me, e in cuore del ghiaccio: troppe correnti d'aria..."Io adoro la libertà…… "

Frédérick Lemaître e Baptiste Debureau : "-Eh, sicuro, a te le parole, le frasi ti lasciano freddo e tu non ne hai bisogno, perché racconti la tua storiella senza parole, e la racconti bene, sai? Non c'è niente da dire, sei un portento: tu parli con le gambe, rispondi con le mani... Uno sguardo, un'alzata di spalle, due passi in avanti, un passo indietro, e op... perfetto, hanno compreso in Paradiso.
-Sì, comprendono tutto, perché sono povera gente, ed io sono come loro. Li amo, li conosco: la loro vita è assai piccina, ma fan sogni splendidi, e non vorrei soltanto farli ridere, vorrei farli sognare, fremere d'emozione e di piacere.
E tutto ciò senza dire loro un sì."

Baptiste a Garance : "- La luna? È lassù, la luna: è il mio paese. Sognare e vivere è lo stesso: se non fosse così, a che varrebbe vivere? E cosa volete che mi interessi la vita? Non è la vita che amo, ma voi." e Garance : " -Non me ne dovete volere, ma infine non sono affatto come volete voi. Bisogna comprendermi, sono semplice, tanto semplice: io sono così, amo piacere a chi mi piace, e quando ho voglia di dire sì non so dire di no. E' talmente semplice l'amore"

17 commenti:

  1. Ciao Fel,non ho mai visto questo film,o forse ho visto un altra versione,ma la storia è incantevole,alle volte gli strani percorsi della vita ci dividono per farci ritrovare ancora,l'amore è come una nuvola e noi siamo vento,la storia coinvolge e entra tutta dentro,pochi gesti come poche parole possono portare dentro di noi un fiume che ci travolge anima e cuore,una bellissima presentazione la tua e un film che cercherò di vedere,grazie delle emozioni.
    Buona serata.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  2. Ma quanto mi piacciono le storie di passionali!!!!! L'amore ke ti prende fino alle budella e poi scompare tra la folla e il desiderio d'amare che resta vivo e speri di ritrovare in un angolo oscuro della città o che ti ricompare all'improvviso, quando meno te lo aspetti. Il desiderio che non si spegne mai. Ma sì, vado matta x queste cose (forse lo sono). A parte tutto, LucyFel, io ho un'ammirazione notevole x i mimi, anche se mi rattristano molto. Ma, vedi, loro sanno volare, sanno parlare tutte le lingue del mondo, sanno sognare e sono diversi per questa loro capacità. Secondo me, mimi si nasce, è una forma d'arte naturale racchiusa nel DNA e con lei è racchiusa anche la tristezza perché in fondo loro sono sempre tristi!
    Vabbè...ho deciso...da domani lezioni di mimica canina ai tuoi felini, così inizieranno ad abbaiare senza far rumore!
    Un bacio Catstregammaliatricedifilmesentimenti!
    Elisena

    P.S.:Dagli da mangiare poco stasera che il corso inizierà alla eprime luci dell'alba. Vedrai, Luce, quando alzeranno la zampetta vicino al tavolo per fare pipì :)))))) STRAMIAOUUUUUUUUUUUU

    RispondiElimina
  3. Hallo Capitano un film di una poesia struggente, reso con immagini sublimi e attori incredibili, vedere Barrault come Pierrot silente tutto espressione e sentimento è assoluta magia d'attore.
    Cercalo Massimo so che ti piacerà moltissimo,
    legendo il tuo ultimo post ho trovato delle sintonie proprio con questa storia.
    Un bacio e grazie della tua amicizia miaooooo

    RispondiElimina
  4. E allora stregotta questo è il film che fa per te: passioni, fughe, ritorni, sconfitte, speranze, realtà e finzione. Anche a me piaccioni i mimi , così essenziali eppure eloquenti, e Barrault è un mimo incredibile.
    Un bacio sorella eluditrice di destini.
    ps non te ce provà a far esperimenti mimeschi con i mici di qua miaaaaaaaooooooooooooo

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Rincorrere l'amore, o quello che noi crediamo sia, è il destino crudele di alcuni.
    Crudele, perchè relega alla solitudine e all'insoddisfazione esistenziale.
    Eppure, è quello che riempie tutti i giorni della vita fino al giorno ultimo: incorrotto, sublime, abbagliante, colmo di tutte le promesse, dolci e misteriose, che nessun altro amore, di carne e di gemiti, potrà eguagliare.
    E' il sogno, Lucy, quello che Pierrot rincorre: il sogno irrangiungibile della notte e della luna.
    E la sua irrangiungibilità è testimoniata dalla lacrima eterna che dimora, come ombra, sul suo viso.

    Non ho visto il film, Lucy, ma l'ambientazione attrae, così come i personaggi.
    Soprattutto quello di Garance, magistralmente esplicitato da questa magistrale battuta:
    "Non me ne dovete volere, ma infine non sono affatto come volete voi. Bisogna comprendermi, sono semplice, tanto semplice: io sono così, amo piacere a chi mi piace, e quando ho voglia di dire sì non so dire di no. E' talmente semplice l'amore"

    Un bacio, Lucy, che questo film, seppur non l'ho visto, mi attrae come un bellissimo raccconto di quelli con un finale triste.
    E tu sei una meravigliosa affabulatrice :)
    Marilena

    RispondiElimina
  7. -E' il sogno, quello che Pierrot rincorre: il sogno irrangiungibile della notte e della luna.- bellissima frase , da cancerina lunare
    con antenne empatiche cara Marilena,che ti fa sentire i film senza averli visti. Il personaggio di Garance è affascinate perchè sfumatissimo, leggera, libera, sensuale, pratica, attratta iresistibilmente da Baptiste ma incapace di restargli accanto. Truffaut avrebbe detto " ne con t e ne senza di te ".
    Un bacio lunare e notturno amica mia. Miaooo

    RispondiElimina
  8. Un grandissimo film,che anc'io,nonostante non sia un appasionato del genere,ho visto ed apprezzato. Sentimenti profondi,personaggi di grande spessore,sogni che vengono rincorsi,speranze,delusioni,illusioni...
    Bellissime poi le immagini in bianco e nero.

    RispondiElimina
  9. Si Costantino, un grande film, e un b/n meraviglioso, che amo tantissimo, così profondo di significati e di sfumature.
    Un saluti felinissimo miaooooooooooo

    RispondiElimina
  10. ciao Felinità
    mi rattrista non averlo visto questo film...
    mi sembra strano, ma possibile che non lo abbia mai visto?

    p.s. che bella l'orchidea a lato... quest'anno le guardo con più gioia, sapendo che sono riuscita a far rifiorire due delle mie che sembravano decrepite... ;-)

    RispondiElimina
  11. Buon S.Giovanni a te e a tutti i genovesi:))
    Lorenzo

    RispondiElimina
  12. Miao Pupy possibile si che non lo hai visto,
    in piuà circola una versione italiana con un sacco di tagli, specie sulle performance da mimo di Barrault , che sono sublimi.
    Per le orchidee mi dai speranzaper le mie ...... ffffffffffrrrrrrrr

    RispondiElimina
  13. Grazie Lori, ci voleva sta pausa miaooooooo
    Zena ti saluta e aspetta miaaaooooooooo

    RispondiElimina
  14. Film poetico...bene, bene fel!

    RispondiElimina
  15. Hi Felinita
    how are you my dear

    Yes a had a short vacation from 10 days
    to Turkey
    there where beautiful moments
    and also diffecult....
    but the first time on vacation after sadness is always diffecult !!

    But we had also fun moments
    and now a brown color :-)

    Enjoy your week-end
    Hugs from us all :)

    RispondiElimina
  16. Ancora auguri cara Gianna a voi tutti e tanta felicità alla piccola Sara miaooooooooo

    RispondiElimina
  17. I guess they were days of joy and melancholy, but thy daughters so beautiful and smiling
    I'm sure give serenity as the affection of your adorable kittens
    I well, tired but combative, a weekend in relaxation is necessary.
    A big hug to you all miaooooooooooooo

    RispondiElimina