domenica 20 ottobre 2013

Colazione da Tiffany


Holiday Golightly “ cattiva signorina” ad arte sofisticata, glamour e folle in una New York che brucia tutto in fretta. Passa da un party all'altro, da un ricco signore all'altro con elegante disinvoltura e un aria irresistibilmente fuori sincrono. Nel suo palazzo viene ad abitare Paul Vargas, giovane scrittore squattrinato e in crisi d'ispirazione, ma con una signora molta generosa nel suo letto. In fuga disincantata dalla realtà lei, in cerca di se stesso e di rivalsa lui, i due iniziano una frequentazione amichevole, tenera e complice. Ma nel momento in cui la vita reale si presenta davanti, e Holly cercherà ancora una volta di fuggire da tutto, su un taxi verso l' aeroporto per l'ennesima avventura della ragazza, Paul risvegliandola dalle sue fantasie trasognate le grida in faccia che la libertà non è solo scappare, ma anche imparare a legarsi a qualcuno e a qualcosa, che non necessariamente ciò comporta una prigione, che si può essere felici, ma non lo saremo mai isolati da tutto, in perenne difesa, e lui ormai lo sa perchè proprio averla conosciuta gli ha fatto capire cosa vuole nella vita. Sarà sotto una pioggia scrosciante e catartica in cerca del gatto che lei ha lanciato in un vicolo e che ora cerca disperatamente che Holly comprende che amare non è per forza perdersi, ma probabilmente è ritrovarsi nel senso più vero e pieno. Meno commedia e più amaro lo scritto di Capote, ma il film è splendido, ricco di sfaccettature, che sembra sempre qualcos'altro, come gli stessi personaggi, cinici e simpatici, disorientanti nella loro morale quotidiana e lo stesso di una umanità così affine. Amo molto questo film, probabilmente malgrado molte differenze caratteriali, mi ritrovo nel bisogno di libertà, in qualcosa di selvaggio e randagio di Holly, nella paura di appartenere a qualcosa/qualcuno che me ne privi, e forse come lei col tempo comprendere che se ne vale la pena non vi è perdita, è già un modo di vincere. Così mi ritrovo a commuovermi ogni volta - e sono veramente tante - che rivedo la scena finale dove vi sono cose che mi appartengono profondamente : una grande città, un taxi, una corsa pazza verso il domani, un gatto perso in un vicolo sotto una pioggia incessante, e la ricerca di affetti e punti di riferimento reali, che si scioglie in quel abbraccio con l'altro che rimette in sintonia con l'universo . E come non potrebbe visto che il tramite magico è un felino rosso indomabile e senza nome con Moon River di Henry Mancini come sottofondo.


Vero, Gatto? Su, vieni qua, povero amore, povero amore senza nome... ma io penso che non ho il diritto di dargli un nome... perché in fondo noi due non ci apparteniamo, è stato un incontro casuale. E poi non voglio possedere niente, finché non avrò trovato un posto che mi vada a genio... non so ancora dove sarà, ma so com'è. -Holly

Io vado pazza per Tiffany... specie in quei giorni in cui mi prendono le paturnie. Se io trovassi un posto a questo mondo che mi facesse sentire come da Tiffany... comprerei i mobili e darei al gatto un nome! -Holly

È una matta autentica. E sai perché? Perché Holly è convinta di tutte le idiozie che afferma. Intendiamoci, a me è simpatica da morire, su questo non c'è alcun dubbio, ma io ho un'anima da artista, ecco, e se non sei un artista non la puoi apprezzare, perché è un fatto di... fantasia, mi sono spiegato? -O.J. Berman

Il terribile, Fred(Paul), tesoro, è che sono ancora Lula Mae... la Lula Mae che ruba uova di tacchino e che, appena può, scappa nella prateria... solo che adesso lo chiamo avere le paturnie. -Holly

Quello che è certo è che avevo sbagliato nel classificarlo. Pensavo che fosse un verme. Invece è un super verme, ecco. Un super verme, sotto spoglie di verme. -Holly

Certe luci della ribalta rovinano la carnagione, a una ragazza. -Holly

Io e il mio gatto... siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene. Holly

Vuoi sapere qual è la verità sul tuo conto? Sei una fifona, non hai un briciolo di coraggio, neanche quello semplice e istintivo di riconoscere che a questo mondo ci si innamora, che si deve appartenere a qualcuno, perché questa è la sola maniera di poter essere felici. Tu ti consideri uno spirito libero, un essere selvaggio e temi che qualcuno voglia rinchiuderti in una gabbia. E sai che ti dico? Che la gabbia te la sei già costruita con le tue mani ed è una gabbia dalla quale non uscirai, in qualunque parte del mondo tu cerchi di fuggire, perché non importa dove tu corra, finirai sempre per imbatterti in te stessa. -Paul

Moon River | Wider than a mile | I'm crossin' you in style | Some day | Old dream maker | You heart breaker | Wherever your goin' | I'm goin' your way | Two drifters | Off to see the world | There's such a lot of world | To see | We're after the same | Rainbow's end | Waitin' round the bend | My huckleberry friend | Moon River | and me.
  • Fiume di Luna | più ampio di un miglio | Ti attraverserò con stile | un giorno | Vecchio creatore di sogni | Tu spezzacuori | Ovunque tu andrai | io seguirò il tuo corso | Due vagabondi | in giro a vedere il mondo | C'è così tanto mondo | da vedere | entrambi cerchiamo la fine | dello stesso arcobaleno | che ci aspetta dietro la curva | Il mio migliore amico Cacciamore| Fiume di Luna | ed io.     

26 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dire, Lucy, oltre quello che hai già opportunamente scritto?
      Che è una commedia glamour, ironica e mai stucchevole, protagonisti affascinanti, lei super meravigliosa, la colonna sonora incantevole e, lo scintillio di Tiffany splendidamente a completare il tutto.

      Sai, Lucy, per anni ho aspettato che nel mio palazzo venisse ad abitare uno scrittore seppur squattrinato.
      Macchè.
      In compenso di gatti senza nome c'è l'affollamento.
      Proprio ieri sera è sbucato dal giardinetto un musotto tondo e scuro, una new entry?
      Per un momento ho pensato se lo bacio magari diventa uno scrittore :)
      Dargli un nome?
      Non ci ho ancora pensato.
      Le paturnie, al pari di Holly, le ho sempre (se le paturnie fossero moneta sarei ricca) e volentieri farei colazione davanti al luccichio delle vetrine di Tiffany, ma l'unico negozio che è un Compro Oro, che non è esattamente la stessa cosa, e così rinuncio, che la colazione m'andrebbe di traverso.
      Non ho ancora perso le speranze per lo scrittore squattrinato, sempre che si materializzi, anche il palazzo di fronte va bene......intanto gioisco per il tuo ritorno, e alla grande, con questo film incantevole.
      Ti strabacio

      Elimina
  2. Si sente che l'ami sto film......
    La tua recensione m'ha "commossa" ....... Ho visto te, randagia, tra le righe, nella libertà della pioggia ................
    Tvb Lucetta ..... tanto bene!
    E ....... domani alle 7,30 da Tiffany ..... t'aspetto per un'ottima colazione e..... lasciamo a casa le paturnie ;-))))))

    RispondiElimina
  3. Miao Marilena una new entry in cortile, presentati se non è lui il principe/scrittore magari ne conosce uno ..... sai scrittori e felini sono amici , e nei portoni può succedere di tutto ......... Il film è favoloso di suo, non si può non rivederlo con immenso piacere per mille sfumature, per lei, per il rosso, per le battute, ma per me è qualcosa di particolare che scatta, un riconoscimento di qualcosa che mi appartiene, che mi tocca nel profondo.
    Grazie delle tue parole, sono mesi che sono presissima, ma come vedi ogni tanto sbuco ..... Un bacio grande miao

    RispondiElimina
  4. Si Eli lo amo davvero sto film, mi appartiene., come Balzac potrei dire che Holly Golightly : se moi ....
    Tesoro a colazione insieme si, ma sarà alle 6 e venti in Via Roma da Cartier , davanti ad un bracciale a forma di pantera. Miao mia dolce stregotta ffffrrrrrrrrr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vada per le 6,00 e vada anche e soprattutto per il bracciale ..... se non posso comprarlo ...... mangerò anche quello :-D
      TVB

      Elimina
    2. ma no vuoi rosicchiarti il bracciale panteroso? Diciamo a Cartier se ti fa un monile con gufetto che dici? miao miao

      Elimina
    3. Vhei gufetti mi piacciono ...... Sì sì .... e pure tanto.......
      Allora ci mangiamo le paturnie così poi non ci tornano più!!!!!!

      Elimina
  5. eh beh, splendido filmone classicone!

    RispondiElimina
  6. Mi piace, bel film.

    Bacione, Fel.

    RispondiElimina
  7. Hallo Marco, eh si un classico, ma sempre pungente ....

    RispondiElimina
  8. Irresistibile Gianna, buona settimana in arrivo ffffrrrrrrrrr

    RispondiElimina
  9. L'ho visto molti anni fa in tv, ma mi piacerebbe rivederlo, in particolare ora, dopo la tua rece ...ma, ma, ma, quel gatto si chiama GoodyGoody ;)

    RispondiElimina
  10. Rivedilo assolutamente Ally è delizioso , ma anche spietato.
    mi sa che il rosso era il nonno di Goody.... un giorno dovrei scrivere di lui a Hollywwod era una celebrità .... miao

    RispondiElimina
  11. uno dei miei preferiti
    lei è troppo, troppo bella

    RispondiElimina
  12. Film che, pur non essendo il mio genere, mi è sempre stato caro e simpatico proprio per il fatto di essere così tanto... miciottoloso!
    Ciao e Miao!! :)

    RispondiElimina
  13. Pupy si eh si era deliziosa con un musetto indimenticabile.

    RispondiElimina
  14. Molto miciottoloso mio caro Zietto, ma anche una commedia dal sorriso amarissimo. Miagolii assorti ffffffrrrrrrrrr

    RispondiElimina
  15. ma lo sai che questo film non l'ho mai visto...
    ma se c'è un bel gattone devo vederlo assolutamente..

    RispondiElimina
  16. Sempre meglio avere un posto dove andare quando prendono le patutnie... E se non lo si ha magari è una buona soluzione guardarsi un bel film, magari questo! Lei mi sembra sempre (in generale, non solo qua) semplice e sofisticata allo stesso tempo... Adorabile!
    Ciaociaaaaaaooo!

    RispondiElimina
  17. Cerca di recuperarlo Serena è splendido, melanconico, allegro, disperato , ironico e gattesco ..... miaooooùùùùùù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora accadrà qualunque cosa che ha del felino possiede in se una magia miao

      Elimina
  18. Eh si Anna comodo, per fortuna ci sono films, canzoni, libri , quadri e mille altre diavolerie dove rifugiarsi. Si era deliziosa e con una sua luce particolare Audrey , fffffffrrrrrrrrrrrrrr

    RispondiElimina
  19. Un altro straordinario classico!

    RispondiElimina
  20. Ci si opere che sono veramente senza tempo. Miaoooùùùùù

    RispondiElimina