lunedì 13 luglio 2009

Il Villaggio dei Dannati

Midwich, una piccola cittadina inglese, è misteriosamente isolata, improvvisamente tagliata fuori dal mondo, i suoi abitanti perdono contemporaneamente i sensi per alcune ore. Finito il fenomeno, tutto torna apparentemente normale. Ma le donne del villaggio sono ora tutte incinte. I figlie di questa gravidanza collettiva sono tutti simili, straordinariamente precoci, con capacità intellettive superiori ,agiscono all'unisono e hanno poteri telepatici, leggono il pensiero e sono ingrado d' influenzare la volontà altrui, con una terribile forza ipnotica. Le autorità del villaggio iniziano ad essere in apprensione per alcuni eventi luttuosi provocati da una sorta di suggestione ipnotica. Decidono d' indagare e scoprono che in altri paesi del mondo sono successi episodi analoghi. Il parere generale sarebbe quello di eliminare gli alieni, ma il dottor Zellaby si oppone. Tuttavia un ennesimo suicidio provocato dalla malefica suggestione dei ragazzi lo convince, che bisogna attuare un piano disperato. Li riunisce in un villino tutti insieme, per annientarli imolandosi, ma deve arginare la loro lettura del pensiero , si chiude in un pensiero fisso : un muro, invalicabile, non penetrando il suo pensiero riese a far saltare l'edificio e tutti quelli chi vi si trovano. Piccolo capolavoro allucinante, tra fantascienza e horror, tutto senza effetti,tutto suggestioni inquientanti. Come tutti i grandi film, racconta qualcosa, ma le chiavi di lettura sono tante. I bambini biondi dagli occhi albini e luminosi, sono un'immgine terrificante che non si dimentica facilmente. Il male può annidarsi nelle forme più innocenti.

5 commenti:

  1. giusto,piccolo capolavoro allucinante,mi è piaciuto molto questo film,da rimanere incollati alla tv,i bambini come rappresentazione del diverso,del male,da distruggere con il sacrificio,ma poi erano il male?

    RispondiElimina
  2. C'è sempre un punto di vista, loro sono un gruppo unito, gli uomini no, hanno le loro ragioni, ma anche il villaggio. E' spesso difficile scegliere, come c dimostra il personaggio di sanders. In fondo anche la creatura della Cosa voleva solo sopravvivere, ma pure gli uomini della base artica,mentre lui ne vuol fare cena e dessert,in compenso loro ch e ne farebbero di un alieno una cavia, un fenomeno da baraccone , e qui siamo dalle parti dell'Uomo che cadde sulla terra ..... fermami Achab potrei andare avanti per ore .......

    RispondiElimina
  3. ma io non voglio fermarti,sei come oceano vivo,che porta nuova energia,e non si riesce a fermare,mai!

    RispondiElimina
  4. Una miciona-oceanica tigrata ad onde blu oltremare e violacee mmmmhhiihhhaaaaahhooooooo

    RispondiElimina
  5. Grande capolavoro!!!

    RispondiElimina