domenica 22 gennaio 2012

Il Grande Lebowski

L’altra sera ero a cena con la mia amica Clody, saltano fuori non si sa da dove i films dei fratelli Coen , io declamo che amo moltissimo Il Grande Lebowski  e il finale di Fargo, e lei che le era tanto piaciuto L’uomo che non c'era e Fratello dove sei, ma ad un certo punto ci accorgiamo che malgrado siamo due creature di rinomata memoria, non sappiamo descrivere nessuna delle trame di questi films, qualche scena,frasi, personaggi, ma non il tutto. Non è da noi penso. Ma allora sono i fratelli che costruiscono storie che ti colpiscono, però probabilmente volutamente si perdono, che come molte cose della vita si sbiadiscono i contorni. Ho provato a leggermi la trama del mio Lebowski, e mi vado convincendo che la struttura del tutto è volutamente un incastrarsi di momenti vagamente legati tra loro, soprattutto legati alla massiccia pigraggine di uno che si è quasi dimenticato del suo nome abituato al solo Drugo-Dude,  salvo l’imprevisto coinvolgimento con un omonimo riccone e una serie di complicazioni degne di un racconto di Marlowe – l’investigatore dico …. già siamo a Los Angeles ….. e salvo scuotersi un momento perché a volte bisogna fare ciò che è giusto, poi si può tornare ad una eterna partita di Bowling interrotta solo da una sfilza di bicchierate di White Russian e chiacchere “inconcludenti “ con Walter , il devastante l’amico di sempre, e guardare il mondo con l’aria disincantata dello sfigato eterno, ma che non vorrebbe essere altro, perché sa che la vita rotola come una palla da gioco. So perché mi piace questo film, ha uno sguardo cinico e surreale verso i principi più solidi della società, ed uno infantile e tenero verso quelli più veri dell’esistere. D'altronde come direbbe Lo Straniero che ci ha condotto nella storia la vita va presa come viene.
<><><><> <><><><>
Ps- di una cosa però sono certa : di non mai aver visto

per tutto il tempo  della storia, il Drugo giocare a bowling.




LO STRANIERO: Ehilà, Drugo.
DRUGO: Mi chiedevo se t'avrei rivisto.
LO STRANIERO: Non potevo perdermi le semifinali.
DRUGO: Ah, sì.
LO STRANIERO: Come ti vanno le cose?
DRUGO: Beh, sai, qualche strike e qualche palla persa.
LO STRANIERO: Come ti capisco.
DRUGO: Ah. Grazie, Gary. Beh, tu stammi bene. Io torno alla partita.
LO STRANIERO: Certo. Prendila come viene.
DRUGO: Sì, sì.
LO STRANIERO: So che lo farai.
DRUGO: Sicuro, Drugo sa aspettare.
LO STRANIERO: Eh, eh, eh!
DRUGO: Walter!
LO STRANIERO: Drugo sa aspettare. Non so voi, ma personalmente la cosa mi conforta. È bello sapere che lui è in giro, "il drugo", che la prende come viene, per noi peccatori. Accidenti! Spero proprio che la vinca, la finale. Con questo direi che abbiamo concluso, è praticamente tutto. Le cose sembrano essersi messe bene per Drugo e Walter. È stata una bella storia, pulita. Non vi sembra? Mi ha fatto proprio ridere. Almeno in certi punti. Mi è dispiaciuto che Donny se ne sia andato. Ma, d'altra parte, ho saputo che c'è un piccolo Lebowski in arrivo. Credo che sia questo il modo in cui la dannata commedia umana procede e si perpetua. Di generazione in generazione, la carovana che va ad ovest attraverso il deserto, nel tempo, fino a... ma guarda un po', ho ricominciato a vaneggiare! Beh, io spero che vi siate divertiti e che ci vedremo ancora lungo il cammino. Ehi, amico, t'è rimasta un po' di salsapariglia? Quella buona.

33 commenti:

  1. :))))))))))))))))))))))))))))))))))
    LO AMO!
    Amo questo film, adoro Jeff Bridges e tutta la strampalata comitiva che lo circonda e questa piccola deliziosa, delirante storia di anti eroi, di personaggi strampalati, al limite del nichilismo, dove la sfiga non è un dramma, ci si ride sopra e si va avanti.
    Drugo & Company, gli emarginati dal sogno americano.

    Ho adorato questo film, Lucy, è uno dei miei preferiti e, così, quando sul mio Blogroll ho visto la faccia di Jeff Bridges ho fatto un salto sulla poltrona, coinvolta dall'entusiasmo e dal positivismo.
    Eh si, è uno di quei film ASSOLUTAMENTE da vedere, oltre che per l'interpretazione di Jeff/Drugo e quella straordinaria di Goodman e di Buscemi (tipi all'apposto, apparentemente incoerenti perfino con lo stesso protagonista ma è così tutto il film, la storia ed il suo svolgimento ma, ancora e di più, è l'atmosfera, i personaggi, che potrebbero essere quelli delle nostre periferie, i rassegnati, gl'indolenti, quelli che hanno uno solo scatto nella vita e diventano leggenda.
    Adoro questo film.
    Ho adorato, poi, perfino il bowling!

    Un bacio, Lucy :))))))))))
    Marilena
    P.S. - Il cinismo esistenziale in questo film non è mai ruvido nè amaro, ma è sempre permeato di una dolcezza ironica e mai melensa.

    RispondiElimina
  2. Non è il cinema che preferisco...
    ma amo il cinema, per ciò che sà trasmettere...
    a volte, sei lì, coinvolta da una scena molto impegnativa emotivamente...e Ti rammenti di un episodio simile accaduto a te...ed hai l'opportunità di rivedere da altra angolazione e di confrontarti, magari...a termine proiezione...ripercorrerne le scene...un film non ha conclusione, se lo si porta a condividere...è una storia che prende forma nella cinepresa e poi, può evolversi in un'acceso dibattito.
    sereno finire del giorno a Te..
    un Sorriso..
    dandelìon

    RispondiElimina
  3. Marilena, sono felice del tuo entusiasmo, che è pari al mio per questo film, ed è stato divertente ripercorrerlo, scoprendo che puoi non ricordare trama e dettagli,ma dentro hai quella sensazione di appartenenza, anche se la tua vita è lontanissima da quello che hai visto, e Il grande Leboswki è così per me.
    Un bacio rotolante com una palla da bowling mia Escura.
    ps . era adorabile quel alternarsi di sguardi beffardi e di sentimentocome nella scena dell'assurdo funerale con le ceneri malamente sparse, del loro amico.

    RispondiElimina
  4. Cara Dandelion, ogni film non finisce con il nero dei titoli di coda. Possono esserci storie che non ci somiigliano,ma che hanno qualcosa anche indefinito che ci tocca in qualche modo, restandoci dentro più di trame a noi vicine. Una notte dolce a te. miao

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Lucyyyyyyyyyyyyyyyyy
    di a Clody che a Drugo ho insegnato io a giocare a bowling(((( e dì pure a quella strega di mia sorella che quando s'entusiasma troppo diventa una melensa.........
    Ehi, amica, t'è rimasta un po' di salsapariglia? Quella buona.E allora dagliela, così si calma ((((((
    E tu, gatta che fermenti l'altra matta, restituiscimi gli occhiali. Sì, proprio quelli che indossa Drugo nell'immagine d'apertura, sono i miei, mi servono per fare strike!
    AHIAIAIAIIIIIIIIIIIIIII mi son data la palla sulla fronte....porca vacca........ora ci si mettono pure i tuoi mici!
    Ok ok, me ne vado....lo scatto sulla sedia di mia sorella è diventato già leggenda e tu e Clody siete Thelma e Louise :)))))))
    Bacio 'notte!
    Elisena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  7. in effetti l'altra sera avevamo un aria da Thelma e Louiseio e Cla, ma il burrone per adesso può asppettare. Tranquilla il Drugo è sfasato , ma su di lui ci si può contare alla bisogna : i tuoi occhiali a tappeto sono qui che ti aspettano, come la salsa pariglia per Marilena. Strabaci da Strike miaooooo

    RispondiElimina
  8. Memorabile film, solo a pensarci scoppio a ridere per certe scene, un gran film che mi hai fatto venire volgia di rivedere. Già, scrittura strana quella dei Coen...

    RispondiElimina
  9. No, direi che sulla trama si può anche riflettere: che centra una storia alla Marlowe con un caxxone come lui? E' tutta qua la risposta. Certo, ti rimangono i dialoghi con l'amico reduce, e gli intermezzi musicali o sognati, ma il film non è fatto solo dal Drugo.

    RispondiElimina
  10. Che libidine di film. Ai posti d'onore nella mia cineteca. Piace persino all'Isidoro... :-))))

    RispondiElimina
  11. Ricordo bene questo film perchè l'ho visto sia al cinema che quasi tutte le volte che è passato in TV.
    Mi piace questo post, come lo hai scrito, perchè sei riuscita a dare la giusta dimensione ai personaggi, specialmente il Lebowski, e cioè il guardare il mondo con "l'eterna aria dello sfigato ma che non vorrebbe essere altro".
    Credo davvero che in questo film sia rappresentata l'america più vera, ne ho avuto la prova seguendo, fino a qualche mese fa in internet, l'Interview project di David Lynch dove ad essere intevistati sembravano davvero tanti lebowski messi insieme.
    Ciaooo

    Lorenzo

    RispondiElimina
  12. LUCYYYYYYY ma per burrone intendi un burro grandissimo?
    Strabacio con gli occhiali che ora indosso!
    Elisena

    RispondiElimina
  13. Hallo Alli, un film particolarissimoo per non-trama, non personaggi che però dentro di noi esizstono. Arrivederci in Palude miaooo

    RispondiElimina
  14. Gegio, certo che ci si può riflettere,e a profusione, ma io non me la ricordo, e allo stesso tempo so di amare moltissimo questo film, ma io sono la più matta della compagnia di assurdi esseri che popolano sto film. Miao

    RispondiElimina
  15. Perchè ce lo vedo L'Isidoro che si spanciolla in stile drughesco, non possianmo non amare perciò un film così. strafuse Nicola miaooo

    RispondiElimina
  16. Lorenzo forse c'è in tutti noi un po' di Leboswski, ma facciamo fatica ad accettarlo e viverlo così com'è. Miaooooooùùùùùùù

    RispondiElimina
  17. Ottima recensione di un film chè è una meraviglia

    RispondiElimina
  18. Ciao Fel,
    FUNZIONAAAA!
    più che 'sfigato' direi 'sfiGATTO' (e i gatti adorano le palle da gioco che rotolano)!!!
    Eh sì, confermo sull'aria nostra da Thelma e Louise dell'altra sera (con annesse disavventure...)! Il film, come gli altri loro, lo dovrò rivedere.
    Un bacio grande a te e Eli...l'insegnante di bowling...!

    RispondiElimina
  19. Grazie Costantino, mi ha colpita in modo strano

    RispondiElimina
  20. Micetta, eccome se i gatti amano tutto ciò che rotola , e democraticamente anche gli sfigati.
    Si due fuggitive per un po', che chiaccherano di storie perse e amate. ( inevitabile una disavventura non saremmo noi ) Questo lo voglio rivedere presto anch'io.
    Baciotti anche a te .....
    ps
    c'è sempre una soluzioni .... miaooooooo

    RispondiElimina
  21. @BASE LUNA
    Ed io ricambio con uno strike di baci!
    Ciao Claudia!
    Elisena

    RispondiElimina
  22. Miao EliJoe mi sembrava che non sbucassi ...
    I mici del blog ti miagolano saluti e ti mandano fusa a code alte fffffffrrrrrrrr

    RispondiElimina
  23. Ciao,
    un film è bello se hai sempre intatta la voglia di rivederlo, non solo perchè ne ricordi a memoria tutti i passaggi.
    Come per le persone... a volte di qualcuno possiamo anche scordarci le frasi che ci siamo scambiate, ma mai dimenticare come quella persona ci ha fatto sentire, cosa ci ha fatto provare!!
    Tornerò a trovarti
    miaoooooooooo

    RispondiElimina
  24. Hallo Rita, è vero a volte di persone e situazioni non ricordo i particolari, ma le sensazioni che hanno generato in te.
    Grazie della visita graditissima. Miaoooooùùùù

    RispondiElimina
  25. ahahahah
    un gran bel film!!!
    l'ho visto centinai a di volte ... l'attore ha davvero un volto che fa ridere, unito al suo atteggiamento poi è veramente uno spasso ;-)

    buon weekend ^_____^

    RispondiElimina
  26. Si un gran film Pupy. Buon Week miaoooo

    RispondiElimina
  27. Il drugo non è sfigato perché è nato sfogato ...è sfigato perché vive in quel posto ...e sa o pensa che tutti i posti ...siano più o meno uguali a quello dove vive ....tutti i personaggi sono un esempio di questa società malata in cui suo malgrado è costretto a vivere o meglio sopravvivere....è l'unico essere umano che c'é nel film..l'unica speranza seppur rassegnata che c'é nel film ed infatti viene scelto per procreare dalla figlia del magnate e levarsi dalle scatole ......questo é il senso del film...il mondo non è tanto brutto finché c'é un drugo in circolazione....ed anche quando il drugo sarà o morto o abbastanza annichilito da questa società....ci sarà il drughetto......

    RispondiElimina
  28. ciao.....hai fatto bene a commentare il DRUGO

    RispondiElimina
  29. Siamo tutti sfigati perchè ci disegna la vita così, e ci fa trovare in situazioni assurde, stupide, quando vorremmo essere in tutt'altro posto, essere almeno un po' drugheschi può aiutare però .... bye bye Jack

    RispondiElimina
  30. miao ..... facile Anonimo .... mi piace ....

    RispondiElimina