domenica 17 giugno 2012

Man Ray

Già il nome scorciato dal suo vero, è un segno : uomo –raggio, quel raggio di luce che modifica la visione esterna, quotidiana, normale, per una percezione fantastica,  personale,  soggettiva,  inconscia, folle, surreale.  Ray ha fotografato, dipinto, filmato, e fabbricato oggetti che pur comuni si fanno viaggio mentale e psicologico.  Un americano che sceglie come casa Parigi, che si  confonde  con l’opera e l’amicizia di Duchamp, Cocteau, Ernest, Mirò, Picasso, che pur famoso ritrattista e fotografo di riviste di moda, osa  distruggere  l’immagine “ classica “ per ricreare una visione diversa delle cose, non convenzionale. Già alla nascita della fotografia si tentano sperimentazioni alternative, ma lui le porta alla dignità d’arte,   facendone uno degli artisti più influenti  del ‘900, il caso pare lo abbia portato alle famose rayografie con oggetti posti sui fogli impressionati  “ rovinati “ dalla luce in camera oscura senza il passaggio  dello scatto di una macchina,  diventando un negativo tridimensionale e anomalo, o la modificazione della fotografia esponendola forzatamente alal luce interrompendo  lo sviluppo al buio, con la celebre  solarizzazione,il caso si,  ma è la sua volontà creativa a rigenerare  costruttivamente in realtà altre . Destruttura anche fisicamente  gli oggetti : il celebre  “ Cadeau “, un ferro da stiro reso inutilizzabile da 14 chiodi destabilizza  le attese e le  soverchia,  o come "Oggetto da distruggere", metronomo con incollata la foto di un occhio, suono e visione in un non ritmo no-sense. Immagini che esprimono nella sintesi di un momento una multiforme varietà di concetti  : “Le Violon D’Ingres”,  la posa femminile  è quella di un celebre quadro , ma anche un modo di dire francese per definire un hobby, ma anche un intervento grafico su fotografia per suggerire lo strumento musicale, ma anche  un discorso sottinteso concettuale  tra ironia e sensualità  della viola quale strumento d’amore. Sono immagini mentali non più rappresentazioni della realtà, i suoi nudi diventano strumento del desiderio, delle motivazioni  sublimate, della verità inconscia più spoglia  dei nudi stessi, composizioni esistenziali come quel volto dalle lacrime di vetro. Non sentendosi un fotografo riuscì ad innovare totalmente l’immagine fotografica moderna , ecco che  Cocò Chanel  anche  in uno scatto senza giochi grafici riassume tutta la sua essenza anticonformista simbolo di un mondo nuovo,   perché l’uomo –raggio ha compreso che la  percezione della realtà  è contaminata continuamente dal sogno e dall’ illogicità,  dalla fantasia  e dall’arte di ricreare ogni volta una realtà personalizzata e unica moltiplicata all’infinite possibilità della mente umana.
Nel  cimitero di Montparnasse il suo epitaffio recita :  Non curante, ma non indifferente.

 
Man Ray:   -  "Io non cerco. Immagino " -- " Che cosa è la follia? E' un orologio o un metronomo che dimentica di camminare o di fermarsi " -- -- " Fotografo le cose che non desidero dipingere, le cose che già possiedono una loro esistenza. Dipingo ciò che non può essere fotografato, ciò che proviene dai sogni, dall'immaginazione o da un istinto inconscio."  -- "Creare è divino, riprodurre è umano." -- "Ad un creatore è sufficiente un solo entusiasta per giustificarlo." -- "Per me, un pittore, se non il più utile, almeno è l'essere meno dannoso della nostra società." --  "Naturalmente, ci saranno sempre coloro che guarderanno solo alla tecnica e chiederanno 'come?' mentre altri, di una natura più curiosa, domanderanno 'perchè? " -- " Personalmente, ho sempre preferito l'ispirazione all'informazione" --   "Non sono un fotografo della natura, ma della mia fantasia"

22 commenti:

  1. Un grande dell'arte,in tutti i sensi, in tutte le sue espressioni.
    Come sempre, nei hai perfettamente delineato il ritratto,non fermandoti alla superficialità, ma scavando nel profondo.

    RispondiElimina
  2. Ma quanto me piaciono a me sti tipi "raggio"
    St'omini che, come tu hai magistralmente scritto "porta alla dignità d’arte".
    Mi piace tutto di questo artista, dalle sue parole alla tua straordinaria recensione....sarà che io sono un orologio fermo da tempo e per questo "leggo" solo logicità nelle sue opere e m'innamoro........
    Un bacio Luce che tu di raggi ne sai qualcosa perché brilli come una stella senza mai confonderti nel planetario dell'etere (e non solo)!

    RispondiElimina
  3. Grazie Costantino, Man Ray mi ha sempre affascinato con la sua innovativa concezione dell'arte e la sua ricerca continua.
    Cari e affettuosi saluti

    RispondiElimina
  4. Il tuo entusiasmo EliJoe è contagioso, anche a me piacciono sti tipi "raggio" è un artista che amo moltissimo, amo la genialità della sua mente innovatrice e mai doma nella ricerca di un significato diverso e profondo di ciò che aveva davanti a se e della mente.
    Un abbraccio immenso mio girasole a pois
    ps
    tu sei l'orologio fermo, io mi sento il ferro da stiro con i 14 chiodi - è un opera che amo alla follia ..... come diresti tu sono parecchio psicopatica ....... miaooooo

    RispondiElimina
  5. Evviva i creatori! Di questo in particolare condivido (e un po' invidio) quasi tutto quello che emerge dal tuo pezzo su di lui: dalla scelta di vivere a Parigi allo splendido epitaffio!
    Ciao e Miao :D

    RispondiElimina
  6. Hallo Nick, si anche a me piace tantissimo questo artista, le sue opere mi hanno sempre colpito molto, la genialità mai doma,l'anticonformismo, lo sguardo senza preconcetti pregiudiziali. Si quella frase è splendida, come molte sue. Fusa assortite a te e al meraviglioso Isidoro. Miaoooo

    RispondiElimina
  7. Un grande, le sue opere resteranno. Cosa avrebbe fatto oggi, con l'uso del pc? Immagina che blog avrebbe ;)

    RispondiElimina
  8. Trovo bellissima questa sua affermazione: io non cerco. Immagino.
    E' la differenza tra un creatore ed un semplice artista.
    Di Man Ray conoscevo la fama e qualche sua opera, i collegamenti col movimento "dada" e i "surrealisti", ho avuto modo, oggi, attraverso questo tuo post, Lucy, di approfondire la conoscenza di questo geniale destrutturatore della materia che trasforma in immagine mentale, delirio e sogno, fantasia.
    Una realtà, dunque, percepita come ipotesi possibile d'infinite altre realtà, variazioni sul tema e rielaborazioni personalissime, ironiche e disincantate, sicuramente avanguardistiche.
    Giusto questo tributo, Lucy, a Man Ray narratore/sperimentatore, inventore dell'immagine in "quarta persona"

    Grande come sempre, Lucy
    Un bacio, questo però, assolutamente non destrutturato.

    RispondiElimina
  9. Ally uno così nulla lo ferma,avrebbe rivoluzionato anche i blog, però che idea pensare ai blog dei grandi artisti come sarebbero stati ..... miaooooooùùùùùùù

    RispondiElimina
  10. Cara, sai la fotografia della donna con la sigaretta di cui si vede solo la frangetta per posa e insieme mi ha ricordato te, ha una parte della tua essenza. Man Ray da sempre mi affascina con la genialità creativa delle sue opere e l'originalità della sua personalità artistica. Un bacio solarizzato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una foto bellissima, tra quelle che mi ha colpito di più.
      Grazie, Lucy, per l'accostamento.
      Bacio e l'augurio di un buon lunedì

      Elimina
  11. Un altro di quei personaggi che non possono non incuriosire!

    RispondiElimina
  12. Amarantosa era per me inevitabile l'accostamento ..... miaoooooùùùùùùùùù

    RispondiElimina
  13. Ciao micia, grazie x questo bellissimo post! Sai quanto amo la fotografia... e queste immagini così sensuali, 'violente', dolci ed estreme sono assolutamente uniche... emozionanti!
    Per l'omaggio ad Amaranta... che dire??? TVB
    Cla

    RispondiElimina
  14. Si Anna un personaggio interessantissimo : d'ingegno e perseveranza artistica . miaooo

    RispondiElimina
  15. Cara Clody, il carisma dell'uomo-raggio non poteva che fulminarmi, con la libertà delle sue idee e la volontà di rivoluzionare ciò che sembrava fermo immagine di una realtà univoca.
    Si quell'immagine mi ha ricordato la nostra Marilena, mentre potrei vedere il tuo animo il quel metronomo impazzito con un occhio magico.
    Un abbraccio impressionato da una luce improvvisa e creatrice miaaaaooooooooo

    RispondiElimina
  16. Più che metronomo impazzito con occhio magico...direi il contrario: occhio impazzito da Xima (continua a ballare, con rare pause, da almeno 4 anni...) e metronomo magico... nel suo tic tac 'temporale' ci infila sempre un 'caos' inaspettato! Un bacio grande! Ti abbraccio
    TVB Cla

    RispondiElimina
  17. Sciocca !Clody tu sei una creatura veramente magic, anche se non lo sai ...... Fusa e baci

    RispondiElimina
  18. particolarissime queste opere!!!

    RispondiElimina
  19. si molto Pupy, per questo mi hanno sempre attratto. Buonanotte miaoooo

    RispondiElimina
  20. Geniale e straordinario!

    Un bacio felino!

    RispondiElimina
  21. Definizioni straapropriatissime. Miao Alfoso

    RispondiElimina