domenica 6 settembre 2009

Il Castello del Capitano gentiluomo

Quando ero bambina vedevo in lontananza un castello sulle alture di Genova, e sapevo da mio padre che là dentro c'erano cose meravigliose, giunte nell''800 da molte parti del mondo. E in particolare vi era una loggia, splendida, aperta sul mare con al centro una statua, dello scultore Giulio Monteverde di un Colombo fanciullo, che meditata grandi imprese. Per anni è stato inaccessibile, finalmente da qualche anno il Castello, ora museo, è aperto al pubblico con la straordiarietà degli ambienti interni e i suoi bellissimi giardini dove giocano i bambini e circolano liberi molti gatti. Il Castello sorge su un bastione della cinta muraria cinquecentesca genovese contenente i resti basamentali di una torre della cinta medievale. E' un collage architettonico neogotico con inserimenti art decò, statue di stili ed epoche diverse, torri, logge e arredi con ambienti ispano-moreschi, cabine marinaresche, collezioni artistiche e scientifiche, esotiche, fregi araldici e simbolici, lance, frecce, balestre, piroghe, pagaie degli arcipelaghi australiani, accanto a cannoncini del nostro cinquecento, ad ossami giganteschi di balenottere, gusci mostruosi di tartarughe di luoghi lontanissimi e 11 meridiane delle 103 che il suo ideatore sparse per il mondo. Colui che ha raccolto tutto ciò, e ha creato il Castello è il Capitano Enrico Alberto D'Albertis (con la supervisione di Alfredo D'Andrade) avventuroso navigatore, scrittore, etnologo e filantropo. Fu il fondatore del primo Yacht Club d'Italia (nel 1879) e, a bordo del Violante e del Corsaro, i suoi due cutter, viaggiò nel Mediterraneo e nell'Oceano Atlantico, seguendo la rotta intrapresa quattrocento anni prima da Colombo. Raggiunse San Salvador nel 1893, utilizzando gli strumenti nautici da lui stesso ricostruiti su modello di quelli in uso ai tempi del grande navigatore. Compì tre volte il giro del mondo ed una volta il periplo dell'Africa, utilizzando i più svariati mezzi di trasporto, dalla nave al cavallo, dal treno al cammello, dalle barche a vela agli idrovolanti. Partecipò a scavi archeologici in Liguria e in Egitto, con l'egittologo Schiapparelli a Luxor, nella Valle delle Regine. La figura del Capitano d'Albertis fu sicuramente quella di una mente originale, animata dal gusto per le sfide, la scoperta e l'esplorazione. Schietto e taciturno marinaio in giacca di pelle di foca, animato da uno spirito eclettico che lo ha guidato nelle sue raccolte, dove si sente l'amore vivo per ogni cosa che abbia una sua intrinseca bellezza o un valore scientifico, senza distinzioni, riuscendo a fare arrivare questa passione di ciò che è conoscenza dell'altro, al di là del tempo, sino a noi. E un giorno sono riuscita ad arrivare là, su quella loggia, dove si vedeva il mare a distesa, il porto con i suoi traffici, il verde del giardino sotto, la città lontana, e vicino a me c'era la statua di un giovinetto pensoso che sognava, sognava ..........

28 commenti:

  1. Nice written Felinità:)
    Its a great history ...
    I am happy my translater was working today ;)
    Wonderful photo's,
    its a really beautiful place..
    Thanks for the interestng post,
    I want more to learn about your country ;)
    hugs kisses
    Kareltje =^.^=
    Anya :)

    RispondiElimina
  2. bellissimo post,la figura del capitano è da leggenda,un personaggio della nostra amata terra,e di notevole impatto culturale x i suoi viaggi,e le scoperte in giro x il mondo,post descritto molto bene nei giusti particolari,belle le foto,buona domenica fel,un bacione.

    RispondiElimina
  3. Ciao Felinità, hai un gusto davvero raffinato sia nell'esposizione del racconto che nella scelta delle immagini.
    Incantevole la storia.
    Splendida la location.
    Affascinante il protagonista: la statua del giovane sognatore.
    Eh si, nell'ipotesi di una sceneggiatura filmica sarebbe la statua del giovinetto, che tu hai magicamente dotato di un anima, ad essere il protagonista, piuttosto che il vecchio (seppur reale) lupo di mare.
    Buona domenica Felinità
    A presto
    Marilena

    RispondiElimina
  4. lo sai che l'ho visitato? sì, due anni fa. di ritorno dal viaggio di nozze ci siamo permati per una giornata a Genova e l'abbiamo visitato. il biglietto d'ingresso era simbolico, una cosa come due euro. hai ragione è un posto bellissimo. all'interno delle mure c'era anche un bar che ti permetteva di vedere un bellissimo panorama del porto, da dove io e mio marito abbiamo visto la nostra nave da crociera ripartire per un nuovo giro, mentre noi avevano un treno in serata da prendere...
    è un posto veramente bello da visitare, hai ragione! celebrarlo con un post è un bel modo di ricordarlo....
    ^________^

    RispondiElimina
  5. Dear Anya
    Castle D ' Albertis is very special, full of very interesting things
    and it in Center City, and the life of the Captain is fascinating, so adventurous, rich stories but also dedicated to pass his knowledge to others. Large uominiipetibili. Think to live in place so. Genoa(Genova) is difficult and beautiful city and tends to hide its treasures are numerous. Thank you for the fine words, a kiss and many caresses to Kareltje

    RispondiElimina
  6. rispondo: sì, ahimè, mio marito assomiglia a Kevin Costner ... e che fatica controllarlo con tutte le tortorelle che gli gironzolano intorno... con il matrimonio sono anche aumentate.... O_O
    e dire che a me piaceva Brad Pitt, ma il suo sosia non l'ho trovato... mi è capitato quello di Kevin Costner e non era male... non lo potevo buttare via... soprattutto perché lui ci tiene tanto a me ;-)
    buon fine weekend
    ^______________^

    RispondiElimina
  7. Da Capitano a Capitano, non potevi che riconoscere il valore di quest'uomo dlle mille avventure, i tanti interessi, che ha lasciato molto alla sua città, e il Castello D'Albertis è fascinosissimo, pensare di potr creare cose così belle, e vivere in realtà così seciali.
    Grazie e un bacio Achab

    RispondiElimina
  8. Pupy, che bello che ha visitato il Castello, è uno di quei tesori che pochi poi conoscono, tutti sanno che a Genova c'è l'Acquario, ma dei tanti palazzi preziosissimi solo una minoranza è Questo luogo poi è un posto a sè, un'altrove fantastico, dove popoli,terre lontane e tempi storici si intersecano di continuo. Un bacione bella e che il tuo matrimonio abbia sempre la magia di quei giorni in cui sei passata di qua.

    RispondiElimina
  9. Pupy 2- la vendetta :
    ecco svelato ogni arcano kevianiano .......
    è stato da ridere l'altro giorno vedo il muso,la scritta e m'illumino d'immenso dell'insieme della cosa. Fortissimo, va là che sei cotta del tuo Kevin ...... miaooooo

    RispondiElimina
  10. Miao Marilena, particolare il tuo commento,hai trasformato il tutto in un film, mi sa che con sto cine-blog ( definizione achabesca) ci stiamo autocondizionando, ma questo tipo d'influenze mi piacciono molto. Un bacio felino

    RispondiElimina
  11. Una figura affascinante ed un luogo che non mancherò di visitare, la prossima volta che andrò a Genova.

    RispondiElimina
  12. Un'amante di storie come te deve incontrare prima o poi il Capitano D'Albertis. Buona visita per allora ....... mmmmiiiaaaaooooo

    RispondiElimina
  13. Una conoscenza in più, feli.

    RispondiElimina
  14. Tu che giri in riviera, magari ti capita anche il Castello di straforo .......
    Un bacio Starlosa

    RispondiElimina
  15. E allora devo proprio tornare a Genova....
    Un abbraccio Fel e buon inizio settimana!!!

    RispondiElimina
  16. Vedi c'è sempre un motivo per tornare ......
    Un bacio l'Unotta tenera. Miaooooo

    RispondiElimina
  17. i tuoi sogni di bambina si sono avverati... è bello quando si raggiunge ciò che si desiderava :)

    ho letto la storia tutta d'un fiato... mi affascinano i castelli

    clelia

    RispondiElimina
  18. Spero di poterlo vedere anche io un giorno, sono un pò troppo lontana da Genova, ma mai dire mai, bellissime immagini, mi fa piacere tu abbia realizzato il tuo grande sogno da bambina ^___^ !!!!Maoooo! Bacio!

    RispondiElimina
  19. Che meraviglia...
    cosa??
    Il castello, la sua storia, il suo capitano, il ragazzo pensoso, le foto ma soprattutto tu cara la mai cicerongattesca Lucyfel,
    sei splendida nel descrivere qualsiasi cosa, tutto con te diventa arte..e non ti sto adulando..è un artiglio di cuore che graffia l'anima.

    Bacioni e buona serata mia cara.

    (non sono mai stata a Genova ma se dovesse succedere te lo faccio sapere..fatti trovare davanti il castello ^_^)

    RispondiElimina
  20. Clelia, se ti piacciono i castelli questo è il tuo tipo, è strambo e bellissimo, c'è di tutto un insieme folle ma affascinante, ed armonico a modo suo. Dentro la città.Domina la città, che diviene lontana lontana ...... Miaaooooo

    RispondiElimina
  21. Grazie Eluccia, ogni tanto mi capita di cercare qualcosa e dopo tanto trovarlo ,a volte è un libro,un film, a volte un posto.
    Ma questo era speciale ..... Un bacio micetta

    RispondiElimina
  22. Chissà che posto pieno di storia... per un attimo mi ci hai portato senza muovermi dalla sedia. Grazie Fel! Un bacione.

    RispondiElimina
  23. Grazie Cally, sei un tesoro e dici cose così
    miciose ...... io sono già là davanti .....
    Un bacio mia musotta

    RispondiElimina
  24. Miao dolce Saby, è bello vederti qui, sono felice se hai vissuto la magia del Castello D' Albertis, pieno di storia e di storie. Un abbraccio e tanti festosi miagoliiiii

    RispondiElimina
  25. Bellissimo e interessante, un mix affascinante.
    Miao Giardigno

    RispondiElimina
  26. Eh si è un luogo accogliente, sai noi gatti amiamo stare comodi e rilassati.
    Grazie Eppifemili della visita....... Miao

    RispondiElimina