domenica 30 dicembre 2012

Steve McCurry


Fantastica mostra a Genova sulle fotografie di McCurry, nel buio su teli neri trasparenti si stagliano luminosi i colori della vita che ha colto per il mondo, un susseguirsi di volti e storie segrete, ognuna racchiusa nel suo mondo particolare e unico, nel suo dolore, nel suo sorriso, nel suo sguardo silenzioso rivolto verso di noi. Poi una sala abbacinante di luce e orrori di guerre e devastazioni, dove la vita vale poco e ogni senso logico è disperatamente perso tra gli uomini. Ancora una con scatole scure su cui si stagliano su  un lato immagini dove la vita è poesia di momenti irripetibili, e infine una dove sparse in alto e di fronte attimi stupefatti di una quotidianità che  per chi guarda è ogni volta un racconto mirabolante e meraviglioso.  Di molte foto mi è rimasta un’impressione importante dentro, è come fossi entrata in mille vite e in mille ricordi e di ognuno mi sembra avere un segno, un gesto, una tonalità, un frammento di memoria, un piccolo tatuaggio nell’anima.
 
Il signore che se la dorme beato qua sotto con la tigre, è Steve McCurry


 
Auguri a tutti voi  per un 2013 coloratissimo e pieno di futuri vividi ricordi, proprio come sono queste foto.

22 commenti:

  1. Come commentare, senza cadere nella retorica, un grande nostro contemporaneo qual'è Steve McCurry?
    Le sue immagini sono la nostra storia e, personalmente credo che nessun articolo, nessuna frase, nesuna poesia, avrebbero saputo raccontarla con quell'intensità, quella passione per l'uomo e per la vita, così come ha saputo fare lui.
    La cosa che più colpisce sono i colori (meravigliosa quella città azzurra e l'uomo dipinto di verde che spicca, portato in trionfo, da uomini vestiti di rosso)eppoi la poesia, irripetibile e personalissima, delle geometrie e degli spazi (stupende, vagamente surreali, quelle in acqua e sull'acqua, e quella della guglia capovolta nel riflesso) ed ancora quella terribile, e struggente, delle macerie permesate da una luce rarefatta che illumina, come su un altare, la sagoma di un uomo (forse un soldato).

    Sono immagini di vita, quelle che Steve McCurry ci propone, così come è realmente e non stereotipata, senza privilegiare, però, l'aspetto cruento ma, piuttosto colmandola di poesia, e forse di speranza.

    Un inno alla vita, nonostante tutto.
    Meravigliose immagini, Lucy, e bellissima la tua recensione: ispirata.

    Un bacio sul finir dell'anno
    Marilena
    ( ci sentiamo per gli auguri :))))))

    RispondiElimina
  2. Fantastica l'ultima accanto al micione, ma non male anche le altre... direi colori che esplodono. Buon miao2013 a-micia mia.

    RispondiElimina
  3. Incredibile e rabbrividente, la vivida varietà dei mondi umani... Fantastiche foto in cui splendono e sanguinano tutti i colori del mondo, compreso il nero di quel simil-Isidoro...
    Tanti Auguri e un bacio enorme, mia cara amica!

    RispondiElimina
  4. E' venuta mia figlia ieri a vederla a Genova, ne è rimasta entusiasta.
    Quello che rimane dentro, dopo aver visto le sue opere, sono appunto questi sguardi penetranti o le persone in un contesto a noi inusuale oppure, come in tutte le sue opere, scoprire come sia colorato il mondo, il contesto o solamente il viso di una persona.
    Anche la miseria ha i suoi colori.

    Ti faccio tanti auguri di Buon Anno Nuovo :)))
    Ciaoo

    RispondiElimina
  5. Si Marilena, è stata una mostra emozionante, ogni immagine raccontava un mondo, quella città blu con due amanti a guardarla da uno dei mille terrazzi, lo spaesamente del vigile del fuoco del disastro dellle torri gemmelle, le veneri africane con un residuo di manichino occidentale, quella ragazzina che si volta verso di noi mentre cammina verso il suo destino, e tutti quegli occhi che ci scrutano dentro. McCurry sa cogliere ogni colore del vivere e farne un quadro che ferma per sempre l'istante di un racconto. Ti mando un bacione da fine anno che ti segua anche lungo il 2013.

    RispondiElimina
  6. Ally quanto adoro i felini quandp dormano, hanno un aria così rilassata, anche con tra le zampe un fotografo impertinente .....
    Auguri caro Diego che il 2013 ti piaccia più del 2012, un venditore di almanacchi lo troverebbe un augurio incoraggiante .....

    RispondiElimina
  7. Mi ha particolarmente emozionata questa mostra, così vicine mi sembravano tutte quelle storie che si dipanavano con colori accesi davanti a me mentre ero immersa in un buio amniotico. Mi piace molto la frase che hai scritto " splendono e sanguinano tutti i colori del mondo " , si è quella la sensazione che emergeva da tutte quelle fotografie.
    Un simil-Isidoro non poteva mancare in una carrelllata così fantastica miaoooùùùù, ma è a quello vero che mmando auguri di enormi forme di formaggio e prosciutto per ill 2013 con coccole e dormite comode. E a te caro amico un nuovo anno che confermi il tuo successo letterario e nuove idee per nuovi capolavori. Auguri di cuore Nicola.

    RispondiElimina
  8. Lucia.....hai trasmesso anche a me un'emozione unica. Queste non sono immagini ma realtà quotidiane fotografate nella loro più pura espressione, quella che oltrepassa gli occhi e restar impressa nello sguardo del cuore!
    Tvb Lucietta!

    Strahappy new year micetta fra bollicine di spumante e miagolii al nuovo anno!

    RispondiElimina
  9. Ciao Lorenzo, sono contenta che a tua figlia sia piaciuta questa mostra, oltre che fatta di capolavori fotografici, era molto ben congeniata nella disposizione degli spazi espositivi. Ogni realtà trovava la sua collocazione, e riportava l'emozione di chi l'aveva cattura in quell'istantanea a colori.
    Un caro saluto e auguri di un 2013 sorridente.

    RispondiElimina
  10. Grazie Eli, infatti ogni scatto racconta una storia con l'intensità di quei colori come dell'emozione di chi ha saputo coglierla e ritrasmettercela. Ti abbraccio mia girasollesca amica che sto 2013 che sta arrivando ci dia un po' di serenità e sempre tanto affetto intorno a noi. Baci fffrrrrrr

    RispondiElimina
  11. ti auguro un 2013 ricco, magico e soprattutto felice

    RispondiElimina
  12. Grazie Pupy un po' di magia ci vorrebbe davvero ..... anche a te auguro gioia e amore.

    RispondiElimina
  13. Bravissimo fotografo. Un peccato non essere a Genova e andare a vedere la mostra.

    PS
    Ma quella col gatto sei tu? ;)

    RispondiElimina
  14. si Alfoso è veramente una grande mostra. No non sono io, ma solo perchè lo Steve non mi conosce .... ma è sempre in tempo per immortallarmi miaoooooooooùùùùùùùùù
    Auguri di un 2013 festoso a te e ai tuoi cari

    RispondiElimina
  15. Uno scintillante 2013 a te, Fel.

    RispondiElimina
  16. Grazie Gianna, contraccambio i tuoi auguri con affetto e che sia un 2013 splendido per te e i tuoi cari miaooooooùùùùùùùùùùùùùù

    RispondiElimina
  17. Primari. Complementari.
    Utili... indispensabili...
    Adoro l'uomo verde adagiato, ghermito, sollevato
    dal rosso...
    Bellissimo post micia.
    Grazie
    Tvb

    RispondiElimina
  18. E' stato fantastico aggirarsi nel buio tra la luce di quei colori ascoltando i tuoi PSB, potendosi liberare di tutto e guardare dentro quegli occhi. Un bacio micetta miaoooooo

    RispondiElimina
  19. Si Giardi ogni foto è una storia meravigliosa.

    RispondiElimina
  20. Quel volto, il primo, ha un'espressività pari ai capolavori del Rinascimento!
    Costantino.

    RispondiElimina
  21. Eh si Costantino, è uno dei suoi ritratti più noti. Ancora Auguri miaoooùùùùùù

    RispondiElimina