sabato 23 maggio 2009

A mio padre Anima Grande

Una dedica a mio padre, oggi, senza un perchè, se non l'amore dell'uno per l'altra, Lui è veramente Anima Grande, è totalmente raccontato in questa meravigliosa e struggente canzone di Renato Zero( qui in un video scovato su you Tube ).L'ascolto non frequentemente, pur adorandola intensamente, perchè ogni volta piango per quest'immagine di un padre che non c'è più, ma mi serve,se fosse necessario nel delirio di tutti i giorni, a ricordare di non scordare mai di vivere il più possibile assieme ogni giorno, con più color rosa che si può, il tuo preferito. Ti voglio bene papà.

videoRenato Zero > La Curva Dell'Angelo (2001) > Anima Grande Brusco risveglio la realtà in un freddo gennaio morivo anch’’io quella carezza sull’’anima... era Dio... fine dei giochi impossibili vivere i giorni rincorrerli quelle ferite visibili ora bruciano sì! io che sciolgo una preghiera vera e fiera più di me folle nell’’inseguire una carriera avrei dovuto sedermi accanto a te... di più sembra un miracolo crescere essere più consapevole quanto coraggio mi hai dato a dirmi no... stelle sopra il mio sipario un delirio una bugia l’’amore assente da quel calendario e intanto il male ti portava via... padre solo poche parole ma la musica che ascolterai ti somiglia lo sai, è come sei viva e lucente... fede vieni qui ho ancora sete dei suoi occhi della sua allegria... e meno male che sogno posso incontrarti cosìì perché è di te che ho più bisogno... cuore diamante: vita mia! troppe emozioni che mancano troppe occasioni che sfumano dialoghi muti che uccidono senza pietà tu sulla porta mille anni fa pronto a raccogliere i cocci miei a consolarmi... sei unico papà sono qui e il mondo è fuori te lo devo sono qui vado farneticando di amori amari sofferenze e assenze... di chi resta di chi va... padre così tanto distante ma che figlio bizzarro che hai ti somiglia lo sai... perché sei anima grande... grande da stupire la gente velenosa e insidiosa se mai... che se hanno un figlio a colori lottano contro di lui per appiattirgli i pensieri pane e superficialità all’’alba dei miei ricordi sei qui al mio fianco... ci sei! più le incertezze o gli sbagli spero che mi perdonerai... .................era Gennaio su quell’’addio non ebbe successo il destino mio, pochi paganti e un applauso: quello tuo!

15 commenti:

  1. ciao gli interessi comuni si sprecano,lui è il mio cantante italiano preferito.bella la tua dedica,ti mando un bacio,a leggi l'ultimo commento di ieri sera era un invito era....

    RispondiElimina
  2. L'ho visto adesso, ti ho risposto là, frrrrr.
    A proposito di Renato,forse è incredibile coincidenza, o forse alla fine c'è un filo invisibile che lega tutto, anche logico a modo suo.

    RispondiElimina
  3. adesso devo pulire la foresta,c'è qualcosa che ci lega mi piace si è come filo invisibile,vedremo.

    RispondiElimina
  4. Hai una foresta? e Marlon vive lì, è un bel tipo il rosso,deve avere un certo caratterino.

    RispondiElimina
  5. beh,sai io sono il custode del drago che vive nella foresta,e quindi vivo lì e marlon è con me,mah non ho mai parlato tanto della mia vita,come con te,adesso apro la gabbia libero il drago è sabato,beh ho un pochino sete,ciao a marlon ha visto la fotina del tuo profilo,è incantato gli piaci,non solo a lui è,eh eh eeehhhh.

    RispondiElimina
  6. se è destino ci incontreremo.renato zero è veramente grande,ho i dischi in vinile autografati,l'ho conosciuto e sono stato a casa sua,io posso dirti che non c'è scollatura tra l'uomo,e il personaggio che scrive le canzoni,ancora oggi ascolto dischi molto in là col tempo come,no,mamma,no.trapezio.zerofobia.zerolandia.ecc.ciao dolce gattona.

    RispondiElimina
  7. Wow, ma non mi dire saresti l'nvidia didue o re persone che conosco. Il mio raporto con renato è particolare, in qualche modo bazzicava nela mia vita,piaceva a mio padre,suo omonimo, ho visivamente l'impatto della prima volta che lo vidi con mia madre a Discoring con mi vendo,tutto leopardato,eravamo inacantate, e po altre cose, ma non so perchè non lo seguiovo forsese perchè mi arrivavano le solite cose.Poi conosco il marito di Base Luna, sorciotto doc, e inizio a conoscere canzone per canzone e a capire che Figaro,Per non essere così,Dubito, ecc. mi appartenevano. E poi ho visto il mio primo concerto,Prove di volo,è stato coplo di fulmine, mi sono inabbissata nel suo mond recuperando video, dischi,e produzioni in là come dici tu, erano vive ebrianti come allora.
    Devi assutamente raccontarmi come l'hai conosciuto. stramiagolii

    RispondiElimina
  8. Scusa le imperfezioni di scrittura, stavo scrivendo troppo in fretta. fuffh

    RispondiElimina
  9. beh,sono partito x roma,1980 forse 81,insime a 4 persone,era il periodo buono,tipo un pellegrinaggio,molti lo vedevano come un santo,e io ero tra questi,posso dirti una cosa che poi è la verità,se non sono caduto nel tunnel dell'eroina lo devo a lui e alle due persone che mi hanno messo al mondo,lui era,parlo dell'epoca,molto ospitale gentile,premuroso,ci portò in un posto per passare la notte,e tutto questo è nel mio cuore,persona molto intelligente,sensibile.

    RispondiElimina
  10. Capisco che forse ti costa un ricordo così,ma è anche molto tenero,e con tanta speranza,grazie della confidenza.Un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. il mio è un fatto di scelte e forse di educazione e di fortuna,lui ha giocato un ruolo importante x i testi delle sue canzoni,mi ha fatto piacere aprirmi con te xchè ti considero un amica,volevo sapere tu hai il disco zerolandia?

    RispondiElimina
  12. Ho "catturato" tutti in cd,compreso Prometeo.Trovare una persona sesibile e umana è così raro,e sono doni che i appartngono,come potrei non darti la mia solidarietà e amicizia.

    RispondiElimina
  13. ciao,allora da zerolandia vai all'ultima canzone il titolo è uomo nò,alla fine quando la musica svanisce alza il volume,ma forse lo sai già,e ascolta.

    RispondiElimina
  14. Innanzitutto Uomo nò, ha un inizio da brividi, con quella musica sinfonica cattedral-spaziale da cui nascono poi le note sottili del piano e poi parte la voce con quei Spirali di fumo ... e quella frase l'anno del mai.Ma lo so che alla fine senti il suo saluto , pensa che la prima volta stavo dipingendo e l'ho sentita alle mie spalle, sussurata, credevo di essermi tanto autosuggestionata da sentirne la voce,poi ho capito che era il disco.Miao nì

    RispondiElimina
  15. molto brava,bene bene,riprenderemo il discorso + avanti,adesso vengo a commentare il film,bella gattona.

    RispondiElimina